Per realizzare questo servizio prematrimoniale ad Asolo, Elena e Paolo hanno scelto di regalarsi una passeggiata romantica su e giù per le stradine che attraversano questo piccolo paesino del trevigiano, giustamente inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia.

D’altronde, quale scenografia migliore per ribadirsi il loro amore, prima di convolare a nozze? Asolo, definita dal poeta Giosuè Carducci come “La città dai cento orizzonti”, offre panorami mozzafiato dovunque si guardi: le colline terrazzate per ospitare i vitigni del prosecco, i boschi intervallati da filari di cipressi, la pianura che degrada dolcemente verso la laguna veneta, i colli euganei che si ergono appena dopo la cittadina di Padova diventano gli sfondi ideali per scatti emozionanti e poetici.

Per la passeggiata dedicata all’engagement shooting, Elena e Paolo hanno giustamente scelto un abbigliamento informale: lei ha optato per un delizioso completino, composto da un paio di pantaloncini corti rosa antico e giacca corta coordinata, mentre lui ha scelto di indossare un paio di bermuda chiari e un’elegante camicia azzurra a maniche corte. Non hanno bisogno di altro, Elena e Paolo, per ribadire l’un l’altro quanto si amano!

La suggestione di un servizio prematrimoniale ad Asolo

Incastonato nel cuore del Veneto, Asolo sprigiona la sua magia sin dai primi scatti, quelli in cui Elena e Paolo passeggiano per le stradine del borgo, che conservano il suggestivo acciottolato, in voga ai tempi dell’Impero Romano. I muri antichi delle case e il verde, che spunta dove meno te lo aspetti, contribuiscono a donare a questi luoghi un fascino bucolico e romantico.

Passo dopo passo, i due futuri sposi si avventurano fuori dal paese, su per le colline, dove non possono fare a meno di fermarsi davanti al magnifico panorama: Paolo allunga un braccio, mostrando qualcosa ad Elena, che sembra rimanere estasiata davanti a cotanta meraviglia.

 Sorridono molto i due fidanzati, poi si incamminano lungo la strada, tenendosi per mano, per poi fermarsi appena dietro una curva. Dimentichi del fotografo, si scambiano persino un bacio, come due fidanzatini al primo appuntamento, prima di proseguire loro passeggiata.

Scegliere un servizio prematrimoniale ad Asolo è stata una scelta saggia e non solo per la sua posizione strategica. Questo paese offre panorami di una bellezza unica, ma anche numerosi luoghi di interesse storico-artistico, che testimoniano l’importante ruolo del paese nella storia del nostro paese. E poi, Asolo è rinomato soprattutto per la produzione di raffinati merletti: chissà che la futura sposa non ne abbia approfittato per cercare spunti per il suo abito nuziale!

Location: Asolo

Fotografo Matrimonio Treviso

Per rendere il tuo matrimonio un evento unico e indimenticabile affidati all’esperienza di un fotografo per matrimoni a Treviso. Scegli il tuo reportage di matrimonio, dal luogo della cerimonia fino al ricevimento.
Le foto del matrimonio sono il modo perfetto per ricordare per sempre questo magico giorno e catturare la bellezza degli sposi e del loro amore.
Sei invece non hai ancora deciso quale sarà la location del tuo matrimonio, sono al tuo servizio per aiutarti in questa importante scelta.

Iniziamo questo viaggio insieme!

P.S. se vuoi chattare con me, scrivimi su Facebook Messenger.

Fotografo Matrimonio Link Facebook Messenger

FOTOGRAFO LE VOSTRE EMOZIONI, RACCONTO LA VOSTRA STORIA

Mi piace definirmi un fotografo di emozioni, più che un fotografo di matrimoni.
La fotografia, in qualche modo, riesce a scavare nel nostro animo e mettere a nudo i nostri sentimenti. Amo i dettagli perché rappresentano i punti chiave della storia di un reportage di matrimonio.
Da sempre appassionato di fotografia, ho trovato la mia personale visione nel reportage che con discrezione mi permette di catturare quella spontaneità che difficilmente viene valorizzata da altre tecniche.
Amo la discrezione perché davanti all’obiettivo ci sentiamo tutti vulnerabili.
Amo raccontare le emozioni perché sono l’unica verità che possediamo.

Fotografo di Matrimonio Ritratto di Matteo Braghetta