Tra le opzioni eco-chic per il tuo matrimonio, ecco il Wedding Picnic: elegante e raffinato, ti permetterà di poter rinunciare senza rimorsi ai tacchi e a quello sfarzo che non ti rappresenta.

Se non ami gli abiti sfarzosi e i tacchi alti, ma soprattutto se non ne vuoi proprio sapere di un matrimonio sfarzoso e ingessato, allora il Wedding Picnic è ciò che fa per te! Potrai condividere il giorno del tuo Sì con i tuoi ospiti all’aperto, circondata dalla natura e dalla semplicità che ti contraddistingue. E senza dover rinunciare all’eleganza, indispensabile per esaltare al meglio la tua felicità.

Come organizzare un Wedding Picnic

Il Wedding Picnic non è solo un’occasione unica per rimanere ciò che sei anche nel giorno del tuo matrimonio, ma ti offre anche l’impagabile opportunità di risparmiare qualcosa. Magari per il tuo viaggio di nozze! I costi di questo tipo di matrimonio, infatti, sono notevolmente più bassi e ti permetteranno di offrire una festa indimenticabile, nonché di ottenere romantiche fotografie da conservare con cura negli anni a venire.

L’organizzazione di un Wedding Picnic è semplice, a cominciare dalla scelta della location: giardini, magari con piscina, casolari in campagna, spiagge, masserie immerse nella natura, qualsiasi posto andrà bene, a patto che richiami un’idea di semplicità e freschezza.

L’allestimento dovrà essere rustico, ma senza rinunciare a un tocco di discreta eleganza. Quindi, via libera a lanterne e candele, di tutte le forme e dimensioni, posizionate in un allegro disordine apparente. Per la mise en place, prediligi runner in cotone grezzo dai colori tenui ed evita qualsiasi elemento troppo elaborato o classico. E se poi preferisci qualcosa di davvero semplice e insolito, azzarda delle simpatiche coperte adagiate sull’erba o sulla spiaggia, come in un vero picnic: sarà un matrimonio indimenticabile!

L’abito da sposa perfetto per un ricevimento informale

Scegliere un Wedding Picnic significa bandire tutto ciò che è formale e troppo elegante. Potrai quindi optare, senza riserve, per un abito semplice, impreziosito solo da qualche romantico merletto. Insomma, un abito che ti permetta di sederti per terra per un brindisi o di posare contro il tronco di un albero per qualche scatto del tuo book fotografico.

Ovviamente, dovrai evitare i tacchi 12: opta per un bel paio di ballerine o sandali gioiello, che potranno fare pendant con qualche collana, bracciale e orecchino di sapore vintage.

Il menù del Wedding Picnic

Per il Wedding Picnic, i menù tipici dei matrimoni non vanno assolutamente bene. E fidati, i tuoi ospiti ti ringrazieranno per questo!

Piatti preparati con alimenti biologici, possibilmente a chilometro zero, saranno perfetti per esaltare l’atmosfera bucolica che desideri, mentre per i vini potrai facilmente rivolgerti ai produttori locali, chiedendo consiglio sulle loro produzioni più pregiate.

Suddividere il ricevimento in due fasi potrebbe essere l’idea vincente per mettere d’accordo giovani e meno giovani. Potresti organizzare il momento dell’antipasto predisponendo differenti corner gastronomici, in cui mettere a disposizione un’abbondante varietà di prodotti locali da consumare in piedi o su panche e pouf sparpagliati per la location. Il pasto vero e proprio, invece, lo potrai offrire su lunghe tavolate rustiche, come si usava in campagna fino a pochi decenni fa.

Insomma, per organizzare un Wedding Picnic ti basterà dar sfogo alla tua fantasia. Più semplice è, meglio è. Con buona pace di formalità e sfarzo.

FOTOGRAFO LE VOSTRE EMOZIONI, RACCONTO LA VOSTRA STORIA

Mi piace definirmi un fotografo di emozioni, più che un fotografo di matrimoni.
La fotografia, in qualche modo, riesce a scavare nel nostro animo e mettere a nudo i nostri sentimenti. Amo i dettagli perché rappresentano i punti chiave della storia di un reportage di matrimonio.
Da sempre appassionato di fotografia, ho trovato la mia personale visione nel reportage che con discrezione mi permette di catturare quella spontaneità che difficilmente viene valorizzata da altre tecniche.
Amo la discrezione perché davanti all’obiettivo ci sentiamo tutti vulnerabili.
Amo raccontare le emozioni perché sono l’unica verità che possediamo.

Fotografo di Matrimonio Ritratto di Matteo Braghetta